La lettura nell’arte, aprile 2017

1 aprile 2017 § Lascia un commento

Lettrice davanti a una finestra aperta, 1889 Asta Nørregaard (13 August 1853 – 23 March 1933)

Lezione-spettacolo di Laura Piazza su Mario Luzi

23 marzo 2017 § Lascia un commento

Domani, sala conferenze del MART

semperpoesia

SEMPER – Seminario permanente di poesia diretto da Pietro Taravacci e Francesco Zambon è felice di annunciare per venerdì 24 marzo alle ore 18:00 la lezione-spettacolo dell’attrice e critica Laura Piazza sulla produzione teatrale di Mario Luzi intitolata Ipazia, la potenza casuale di un nome. Viaggio nel teatro in versi di Mario Luzi.

Un viaggio nel teatro in versi di Mario Luzi, una delle più straordinarie e originali esperienze poetiche del secondo Novecento. A partire da Libro di Ipazia (1978) che il poeta ha dedicato alla vicenda della filosofa pagana uccisa dai cristiani ad Alessandria d’Egitto nel marzo del 415 d. C.

L’eccezionale incontro promosso da SEMPER e dalla biblioteca civica «G. Tartarotti» di Rovereto (in collaborazione con il Seminario permanente “Mario Untersteiner” e il Laboratorio “Dionysos” dell’Università di Trento e con il MART di Rovereto) si terrà a Rovereto presso la sala conferenze del MART.

View original post 445 altre parole

La lettura nell’arte, marzo 2017

1 marzo 2017 § Lascia un commento

Edward Thompson Davis (1833 – 1867, English) Q A quiet moment

Edward Thompson Davis (1833 – 1867, English)
A quiet moment

Progetto:RACCONTI

12 febbraio 2017 § Lascia un commento

Le impressioni di Samara sull’incontro all’Arcadia di ieri con i ragazzi della nuova casa editrice Racconti

samaracroci's Blog

Avete presente quella sensazione che si prova quando si finisce un bel racconto. Si rimane lì, con la testa ancora in quell’universo piccolo ma immenso che ci ha catturati completamente e si fissa quell’ultima riga con la voglia impossibile di proseguire. Ci si aggrappa alle ultime sensazioni, alle ultime frasi, per pochi sfuggenti minuti, sperando di rimanere nel racconto. Si immagina oltre, si ripercorre indietro per assaporare di nuovo, si rivive quel viaggio pazzesco e sconvolgente che in poche pagine e in una decina di minuti si è vissuto.Così è stato l’incontro di stasera con la casa editrice Racconti presso la libreria Arcadia di Rovereto.
Giorgio, della libreria, ha dovuto mettere fine all’incontro, ma la mia sensazione è che avrebbe potuto continuare ancora con diverse domande, tra cui le mie. Ho mille curiosità.

I nostri ospiti, prima ancora di parlare dei libri del loro catalogo, hanno citato decine di altri…

View original post 938 altre parole

Neve, cane, piede

11 febbraio 2017 § Lascia un commento

Vincitore del premio di lettori Moduslegendi, Neve, cane, piede di Claudio Morandini.

Parla della Russia

cop_neve_cane1Proseguono le ricerche di Adelmo Farandola, scomparso dalla sua casa da giorni. A dare l’allarme è stato il signor Mutolo, che aveva avvicinato l’anziano in autunno invitandolo a scendere a valle. Il signor Farandola non aveva accolto l’invito, dicendo cheaveva tutto ciò di cui aveva bisogno.
Persona conosciuta dagli abitanti della valle soprattutto per il suo carattere schivo e per il suo modo di vivere lontano da tutto e da tutti. Un“eremita del nostro tempo”lo ha definitola signora Maria, la proprietaria del negozio di alimentari del borgo. “Veniva poco, faceva grosse scorte alimentari”, continua la signora, “l’ultima volta l’ho visto alla fine dell’inverno, era rimasto senza scorte, lo accompagnava un cane che prima non avevo mai visto”. “Sembrava confuso” dice “vaneggiava su un piede, un uomo, non ho capito bene di cosa parlasse e l’ho invitato a rivolgersi ai carabinieri”. Sembra però che non si sia mai…

View original post 173 altre parole

La lettura nell’arte, febbraio 2017

11 febbraio 2017 § Lascia un commento

adcf57e529c0fc7c9d935ad20c90019b

Hans Purmann (1880-1966)

La lettura nell’arte, gennaio 2017

2 gennaio 2017 § Lascia un commento

cs-1765

Evgenij Aleksandrovič Kacman (1890-1976), Kalužskie kruževnicy, Merlettaie di Kaluga, 1928 Mosca, Galleria Tret’jakov

Il quasi ignoto pittore russo Evgenij Aleksandrovic Kacman, esponente del realismo socialista, in questo quadro a pastello estremamente dettagliato ha immortalato una scena di vita lavorativa ormai quasi scomparsa, il mestiere di lettore professionista: operaie, in questo caso ricamatrici al tombolo di Kaljazin, una cittadina dell’antica Russia sul corso superiore del Volga, ascoltano con attenzione la voce della lettrice. […] Nelle manifatture cubane venne introdotta già negli anni Sessanta del XIX secolo la figura del lettore ufficiale, Uno degli operai capaci di leggere veniva nominato “lector”, e li altri lo pagavano di tasca propria. “La Aurora”, rivista dedicata ai lavoratori, fondata dal poeta e sigaraio Saturnino Martinez, all’epoca commentava: “La lettura ad alta voce in fabbrica…rappresenta un potente balzo in avanti del progresso globale delle maestranze, perché in questo modo prendono sempre più confidenza coni libri, fonte di amicizia perpetua e passatempo prezioso”.

da Le donne che leggono sono sempre più pericolose, Rizzoli Editore

Leggendo queste righe, mi è tornato alla mente ciò che la scrittrice messicana Valeria Luiselli ha raccontato recentemente in un incontro avvenuto alla Libreria Arcadia di Rovereto. Il suo ultimo libro, La storia dei miei denti, ed. LaNuovafrontiera, è nato quasi come un esperimento, dopo che una delle più importanti gallerie d’arte del Messico, di proprietà della Jumex, una grande azienda di succhi di frutta, le chiese di scrivere una storia per il catalogo.

Lei invece diede la propria disponibilità a scrivere una storia che, capitolo dopo capitolo, fosse letta da un gruppo di operai ai colleghi che lavoravano nei vari reparti della fabbrica di succhi di frutta. Il libro è nato così, un capitolo per volta, ascoltando le discussioni – anche accese, a detta della scrittrice – che suscitava la storia.